1a prova Campionato Italiano Enduro Assoluti – 21/22 Aprile 2012 - Bella (PZ)

Dopo l'annullamento della prima prova di questo campionato a causa neve, eccoci scesi in Basilicata, precisamente a Bella, scenografico paese arroccato sulle colline Lucane.

Solitamente venire al sud Italia è sinonimo di sole e temperature gradevoli, invece in quest'occasione la pioggia ci ha accompagnato per tutta la settimana pre gara, facendo fare i salti mortali agli organizzatori per rendere il percorso praticabile ma al tempo stesso degno di una prova di Assoluti d'Italia. Come al solito tre le prove speciali in programma, un cross test a ridosso del paddock su di un prato, l'xtreme test anch'esso vicino al paese e tracciato lungo un torrente, mentre il clou della gara era rappresentato dall'enduro test, un lunghissimo percorso nel bosco che i migliori al sabato percorrevano in circa 14 minuti, resi terribilmente insidiosi da canali di fango interminabili. Ma veniamo alla mia gara:

1° Giorno: Solo alcune gocce alle prime ore del sabato, poi fortunatamente ha smesso di piovere, ma il percorso, reso al limite della praticabilità, ha messo a dura prova uomini e mezzi sin dalle prime prove speciali. Dopo un inizio discreto ho mandato tutto all'aria nel primo Enduro test cronometrato, dove per una serie di errori ho perso tempo prezioso, facendomi rifilare dal primo della mia classe circa 40 secondi. Nelle restanti prove speciali limitavo i danni, ma non riuscivo ad essere incisivo e recuperavo troppo poco. Purtroppo ho sofferto molto il fango ed i canali, non proprio il mio terreno preferito. Settimo a fine giornata. Non proprio un buon inizio.

2° Giorno: Sconfortato dalla prima giornata di gara ho cercato di reagire sin da subito, e già dalle prime speciali, che andavano via via asciugandosi, iniziavo a prendere un buon ritmo di gara. Dalla prima prova speciale mi sono portato in testa e ci sono rimasto fino all'ultimo giro quando Andrea Belotti, già vincitore Sabato, fa registrare un gran tempo nell'ultimo enduro test, rifilandomi 8 secondi e passando in vantaggio. Nell'ultima prova speciale non sono riuscito a recuperare il gap, e mi sono dovuto accontentare del secondo posto di giornata.

In conclusione non posso essere assolutamente soddisfatto della mia prestazione in questa prova d'apertura di Campionato. Purtroppo non sono mai stato un pilota da fango e canali, ma il primo giorno ho sofferto parecchio. Ho la scusante che la maggior parte dei miei avversari corre in sella a delle 2 tempi (quest'anno le classi 300 2t e 500 4t sono state unificate nella E3), più leggere ed agili nel fango, e quindi il secondo posto di Domenica, mi ha fatto ben sperare, dato che malgrado avesse smesso di piovere, le condizione erano rimaste simili al primo giorno, a parte il Cross test. Aspetto quindi la rivincita nell'asciutto.

Ora il Campionato Italiano riprenderà a Giugno, ma nel frattempo andrò in Spagna e Portogallo per la 3a e 4a prova del Mondiale e a fine Maggio inizia anche l'europeo con la tappa di Arsiè (BL).

A presto.

Maurizio Micheluz

© ominide.com

© MAURIZIO MICHELUZ - official site - info@mauriziomicheluz.com