Campionato Italiano Assoluti – Camerino (Macerata) – 6/7 Aprile 2013

 

Inizia anche il Campionato Italiano Assoluti, con la prima prova di due giorni a Camerino, cittadina tra le colline marchigiane famosa tra gli amanti dell' Enduro per essere stata teatro della Sei Giorni del 1974. Sicuramente i tempi sono cambiati, ma l'organizzazione è stata delle migliori, allestendo una gara all'altezza. Tre prove speciali al giro da ripetersi quattro volte al giorno, un cross test lungo e veloce, viscidissimo nei primi giri del Sabato, un Xtreme test lento e tortuoso ma molto alla prtata di pubblico perchè a ridosso della strada e adiacente al cross test, ed infine un Enduro test molto tecnico tra sentieri in salita, canali di fango e veloci strade sterrate. Fortunatamente il meteo ci ha graziato, e dopo le abbondanti pioggie della settimana nel week-end si sono alternati sprazzi di sole e nuvole minacciose, ma niente pioggia, ed il terreno è andato via via migliorando. Nel dettaglio le mie giornate di gara.

Giorno 1: Iniziamo subito male la prima prova speciale con due cadute, ma il fatto di aver perso solo 15" dalla testa della corsa mi fa ben sperare, ed in effetti nelle prove successive il mio gap con i primi non è eccessivo e rieco addirittura a vincere una prova speciale e contenere il distacco. Quarto di classe a fine giornata ed un buon decimo assoluto.

Giorno 2: Confortato dai buoni tempi del sabato ero deciso ad attaccare un po' di più la domenica, ma niente da fare, malgrado i distacchi siano sempre stati contenuti ed abbiaancora vinto una speciale, mi sono dovuto accontentare della quarta piazza, ma ancora con un buon decimo assoluto.

 

Dopo le deludenti prove di mondiale in Sud America in questi due giorni in Italia ho finalmente trovate un buon ritmo. Peccato che a livello di classifica mi trovo in una classe, la E1 molto agguerrita e con i migliori rappresentanti dell'enduro italiano nel mondo, Albergoni, Oldrati e Redondi, ma mi conforta il fatto che sono riuscito a volte ad inserirmi nella mischia con loro, ed il decimo posto nell'assoluta (con 4 stranieri inclusi) mi conforta, visto che i distacchi sono stati accettabili. Dopo l'esperienza mondiale, con il Team abbiamo cercato delle soluzioni tecniche per migliorare, e la strada presa sembra quella giusta, ma credo ci sia ancora margine di miglioramento.

A presto quindi, per la seconda prova di Campionato Italiano Assoluti ad Ampezzo (UD).

Maurizio Micheluz

© ominide.com

© MAURIZIO MICHELUZ - official site - info@mauriziomicheluz.com