Campionato Mondiale Enduro–Kastoria (Grecia)–22/23 Giugno 2013

 

Penultima tappa del Campionato Mondiale Enduro e sesto GP della stagione a Kastoria, cittadina di montagna del nord della Grecia, in riva ad un suggestivo lago. Tre prove speciali dal terreno tipicamente greco, duro e secco con pietre. L'Enduro test da circa 6 minuti tortuoso e con passaggi molto stretti, mentre il Cross test, adiacente all'Enduro, tracciato sul pendio di una collina e praticamente visibile per intero dal pubblico, veloce e scorrevole con insidiose contro pendenze. L'Xtreme test, che era lo stesso del prologo, è stato strategicamente ricavato in una piazza del paese, non presentava grosse difficoltà, ma il pubblico accorso è stato veramente numeroso, soprattutto il Venerdì sera. Ma ecco come sono andate le mie giornate di gara:

Giorno 1:Dopo uno strabiliante secondo posto nel prologo, al sabato ho iniziato subito bene alla prima prova speciale, e per tutta la giornata ho fatto registrare buoni tempi mantenendomi attorno alla quarta/quinta posizione fino all'ultimo giro, eravamo quattro piloti in una manciata di secondi. Purtroppo nell'ultimo Enduro test, il francese Deparrois cadeva e ripartiva giusto davanti a me sollevando parecchia polvere. Impossibilitato ad avicinarmi per superarlo a causa della scarsa visibilità non ho potuto far altro che stargli dietro, perdendo secondi preziosi. Nell'ultimo Xtreme test un altro piccolo errore nel tentativo di recuperare, ed alla fine mi sono piazzato in settima posizione. Comunque non male.

Giorno 2: L'obiettivo era quello di mantenere un buon ritmo di gara come fatto al Sabato, e dalle prime prove speciali vedevo che guidando pulito e senza commettere errori i tempi uscivano molto buoni. Ho provato a forzare ma senza esagerare, ed all'inizio dell'ultimo giro mi trovavo addirittura in seconda posizione, seguito dallo spagnolo Guerrero e dal finlandese Seistola di appena 2 secondi circa. Mantenendo la calma ho guidato spingendo ma senza commettere errori e ho chiuso al terzo posto finale, ad un secondo esatto dal secondo e dal quarto.

Direi che questo GP greco è andato addirittura al di là di ogni pronostico, soprattutto perchè è passata una sola settimana dal GP di Romania, dove ero andato abbastanza bene, ma non da poter pensare ad un podio. La concorrenza nella E1 è di alto livello e a parte il Francese Meo, che fa gara a se vincendo praticamente tutte le speciali, ci sono almeno altri dieci piloti che possono puntare al podio, e solo il provare ad inserirsi tra loro significa poter arrivare alle posizioni di alta classifica. In questo week-end ci sono riuscito e questo è il risultato!

Ora una settimana di stop e poi si riparte con gli Assoluti d'Italia.

A presto.

Maurizio Micheluz

© ominide.com

© MAURIZIO MICHELUZ - official site - info@mauriziomicheluz.com