La località toscana di Donoratico (LI) ha dato il via alla 1° tappa di Campionato Europeo Enduro.

Bellissimo territorio marittimo tipico della toscana vicino al mare dove il Moto Club Costa Etrusca ha organizzato un bel percorso tra colline, pinete, boschi, vigneti e olivi. 3 giri di 60km, 3 prove speciali: Extrem Test, Enduro Test e Cross Test, con terreni di varie tipologie: dal morbido e quasi sabbioso cross test al duro e pietroso Enduro test, reso tra l'altro viscido e fangoso dalle piogge dei giorni precedenti la gara. A condire il tutto un trasferimento degno di una internazionale, con un controllo “tirato di circa 20 minuti. Durante entrambe le giornate il meteo è stato variabile e leggermente ventoso.

191 partenti da 11 nazionalità diverse.

Cosa ci dice Maurizio del 1° giorno:

“Il primo sono partito un po' cauto per prendere confidenza con le prove speciali che si presentavano ricche di insidie. Purtroppo sono caduto nel primo Enduro Test ma sono riuscito a recuperare grazie ai buoni tempi del Cross Test. E' stata una lunga giornata di battaglia con Nicoloò Mori e fino all'ultima speciale non si sapeva chi dei due avrebbe vinto ma sono riuscito a concludere l'ultima speciale del giorno facendo il miglio tempo assoluto e vincendo così la classe E3 con 6 secondi dal mio avversario.”

     

Nella giornata di domenica i piloti hanno dovuto rimettersi alla prova con praticamente un nuovo percorso rispetto a Sabato dato che gli organizzatori hanno invertito il senso di marcia; sia il trasferimento sia le prove speciali si pe3rcorrevano al contrario (ad eccezione del cross test) cosa anomala rispetto al solito ma che gli organizzatori hanno voluto testare, non senza polemiche.

    

Cosa ci dice Maurizio del 2° giorno:

“La domenica si iniziava dal Cross Test e ho preso subito un grande vantaggio di 16 secondi sui miei avversari. Nel corso del 1° giro l'Enduro Test non veniva cronometrato dato che era in senso opposto per permetterci di visionare i punti pericolosi. Durante la giornata ho continuato ad accumulare vantaggi sui miei avversari senza commettere errori vincendo la classe con oltre 1 minuto di vantaggio.

Sono molto soddisfatto di questo inizio di campionato, sento un buon feeling con la nuova cilindrata, ed anche se sono l'unico a corre con la grossa 500 4T nella E3 (tutti usano una 300 2T) inizio a trovarmi al mio aggio nelle prove più tecniche.”

  

Prossima tappa fra solo 15 giorni, week-end pasquale quello del 26/27 Marzo dove a Brioude in Francia si svolgerà il 2° round del Campionato Europeo Enduro.

A presto!!

 

 

© ominide.com

© MAURIZIO MICHELUZ - official site - info@mauriziomicheluz.com